×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

2RGN6

by IW0RGN


Cari seimetristi, con questo mio scritto vengo a presentarvi un’antenna che e’ la naturale evoluzione del dipolo rotativo che svettava sul mio tetto dal gennaio ’97 e che mi  permise di lavorare molti country, anche piuttosto lontani e rari, ma come si sa l’appetito vien mangiando e perciò in seguito ho voluto dare una marcia in più alla stazione, per arrivare almeno al DXCC (entro il 12° ciclo solare).

Quest’antenna l’ho voluta chiamare 2rgn6 e ne vado subito a descrivere le caratteristiche:
e’ economica (30 kl max), facile da costruire anche con pochi utensili, non necessita in sostanza di taratura, e’ poco ingombrante e leggera (si gira anche con un girarrosto), ha prestazioni oneste.

Queste e’ il progetto con le relative dimensioni:

ueste sono le caratteristiche calcolate per 50.100, alcune con Yagi Designer ed altre provandola: gain 6,25 dbi alias 4,1 dbd, F/B

12 db, Z 48 ohm, ros 1:1,05, banda passante 48,5/52.5 mhz entro ros 1:2, rapp.fronte-lato oltre 20 db.

Entrambi gli elementi sono isolati dal boom su supporti di nailon, ricavati da un tagliere per alimenti, ed hanno le dimensioni 18x5x1 cm (misure non critiche). I fissaggi elemento-isolante e isolante-boom sono realizzati con piccole viti paker.
L’alimentazione avviene direttamente con coax 50 ohm fissato con 2 capicorda alle viti prossimali di fissaggio del dipolo al supporto isolante (ad 1 cm max dall’estremità interna dei semidipoli) poi si sigilla il tutto con silicone.
I più’ smaliziati potranno montare anche un eventuale PL da pannello.
Il balun e’ un choke di 8 spire su 10 cm di diametro posto subito accanto al dipolo e fissato al boom (noterete che è stato aumentato nelle dimensioni rispetto a quello presentato col dipolo rotativo, ma cosi l’efficacia è incrementata) .
Il fissaggio mast-boom l’ho realizzato con una crociera commerciale che ho posto al centro esatto del boom.

Non ci dovrebbe essere bisogno di taratura, io ne ho realizzate 3 ed hanno subito presentato un ros bassissimo purché ad almeno 4 mt da terra e libere da ostacoli. Semmai si può’ intervenire sulla lunghezza del dipolo accorciandolo leggermente o allungandolo (inserendo dei cimini in Al di diametro 8mm alle estremità, fissando poi il tutto con una vite).
Naturalmente le misure vanno fatte con cavo lungo multipli di 1,98 mt (per l’ RG 58 o RG 213) e rosmetro affidabile.
La potenza che può’ sopportare e’ almeno la full legal power americana se alimentata con RG 213.
Il lobo d’irradiazione e’ molto ampio sia sul piano H sia E, ma non dimentichiamo che si tratta sempre di una 2 el.

Per i neofiti dalla banda diciamo che con essa si può’ collegare tutta l’Europa via ES, si possono fare qso in tropo di circa 300 km max, si possono collegare molte stazioni africane via TEP e se la propagazione via F2 si farà’ sentire potremo collegarci anche qualche OM delle Americhe o dell’Asia, il tutto se naturalmente sarà’ posta ben alta e libera da ostacoli ma sempre con la potenza legale concessaci . Buoni dx a tutti e non parlate a sproposito in banda dx almeno quando c’è un country raro e soprattutto….state lontani dalla mia frequenza (e dalle montagne umbre hi hi)

73 Marco IW0RGN.

Solar data

Created by PA4RM